Blog‎ > ‎

Inaugurato il nuovo "Pastificio Ghigi"

pubblicato 8 mag 2013, 08:28 da Borgo Etico Cooperativa   [ aggiornato in data 8 mag 2013, 08:29 ]

La pasta romagnola è servita. Stamattina il nuovo pastificio Ghigi di San Clemente (Rimini) è stato inaugurato in maniera ufficiale, dopo un periodo di declino durato decenni (era tecnicamente fallito nel 2007), con relativo licenziamento di tantissimi lavoratori. Il famoso marchio storico, creato 140 anni fa, rischiava di sparire completamente. Dopo importanti investimenti di rilancio, si tratta ora di una nuova struttura con forte accento cesenate, dato che fa capo al Consorzio Agrario Adriatico diretto da Adamo Zoffoli di Bagnarola (Cesenatico) e dal presidente Filippo Tramonti di San Mauro Pascoli. La peculiarità del pastificio è che utilizza solo grano italiano prodotto per lo più dagli agricoltori dell’Emilia Romagna e delle Marche e, dato che la vendita della pasta avviene senza intermediari, il pastificio Ghigi è il primo in Italia che può vantarsi di avere in mano tutta la filiera, dal seme alla pasta.

Il nuovo pastificio è costato circa 29 milioni di euro. Ecco altri numeri dell’intervento: 65mila metri quadrati di superficie (14mila per il pastificio); centro stoccaggio con una capacità di 150mila quintali di grano; produzione di pasta prevista 500mila quintali l’anno; reintegro, entro cinque anni, di 60 ex dipendenti.

Borgo Etico ha creduto nel progetto, quello di offrire pasta di qualità a un prezzo concorrenziale, facendo leva sulla filiera locale e recuperando tanti posti di lavoro, per questo motivo offre alla sua clientela una selezione della nuova pasta Ghigi, che seppure non possa fregiarsi della certificazione biologica non fa compromessi sulla qualità del prodotto, essendo realizzata con macchinari di avanguardia e prodotta utilizzando fornitori di grano esclusivamente italiani e in gran parte provenienti dal nostro territorio.
Comments