ESPANDERE IL MIO APPETITO A SAN FRANCISCO, NOTIZIE DI SORTA

ESPANDERE IL MIO APPETITO A SAN FRANCISCO, NOTIZIE DI SORTACiao, bellissimi occhi! Ho alcune notizie e aggiornamenti che vorrei disfare per voi, grazie per avermi dato il vostro prezioso tempo e attenzione per un aggiornamento piuttosto dettagliato (ahem, wordy).

Ti scrivo da San Francisco dove mi sono nascosto negli ultimi due mesi. Forse ti starai chiedendo se non dovresti essere a Firenze a dirci dove mangiare??? Fare visite? Backstory veloce su come la mia ossessione con SF è iniziata poi tornerò ai miei aggiornamenti che includono l’offerta di lezioni di vino nella Piccola Italia di San Francisco/North Beach.

Probabilmente avete letto questo wayyyyyyyyyyyy troppe volte – ma per quelli di voi nuovo al mio blog: c’era una volta ho avuto un sogno di trasferirsi in Italia. Così ho fatto Domanda per la cittadinanza italiana, grazie alle mie radici Meridionali (cioè jure sanguinis). Poi, in qualche modo, l’ho magicamente reso possibile.

Nel 2010-un anno dopo essermi laureato in Studi Italiani a uw Seattle, era arrivato il giorno in cui potevo finalmente ritirare il mio nuovo passaporto italiano al Consolato italiano più vicino che si trovava a San Francisco. Quindi era una scusa per farci un viaggio!

vista sugli uccelli della Cattedrale di San Pietro e Paolo nel piccolo Italia di San Francisco / North beach quarter
E ‘ stato uno dei momenti più belli della mia vita quando sono stato in grado di prendere questo passaporto ed essenzialmente diventato un cittadino europeo, realizzando le mie opportunità nella vita notevolmente amplificata.

Avendo un patrimonio italiano, sono stato determinato da giovane per rendere L’Italia la mia vita/carriera focus. Essere in grado di vivere e lavorare legalmente in Italia per me è stato essenziale per lavorare verso gli obiettivi della mia vita. Grazie a questo passaporto, potrei trasformare il mio sogno in realtà, per quanto sdolcinato possa sembrare.

ladiesss verniciati

 Ora che sono più vecchio e più saggio (realistico) e consapevole che la vita è un gioco ingiusto, misteriosamente crudele con pepite di bellezza, io conto le mie stelle fortunate. Trasferirsi in Italia mi ha dato una pletora di bei ricordi, dure lezioni di vita, pasti che cambiano la vita, cari amici e un bambino che amo ogni giorno sotto forma di mio tour business.

Toast a Tartine nel 2010 prima dei brindisi erano la cosa più fottutamente fastidioso mai, e il mio bambino di secondo cugino che è più alto di me ora <3
Comunque, tornando a quel viaggio SF nel 2010 – dopo aver ritirato il mio passaporto italiano, i giorni successivi sono stati trascorsi con amici e familiari visitando i suoi luoghi iconici, gli alloggi e soprattutto, mangiando tutte le cose a Tartine e gelato Bi-rito, dopo di che sono stato venduto a San Francisco.In quel viaggio, ricordo di aver fatto Domanda per un paio di lavori quasi disposti a buttare il mio piano per L’Italia fuori dalla finestra. Quei posti di lavoro non hanno funzionato, così ho continuato con i miei piani per trasferirsi in Italia e nel 2012 ho fatto il salto. Ma ho sempre tenuto San Francisco in fondo al cuore.Negli ultimi due anni, ho iniziato a mettere in discussione i prossimi passi della mia vita. Cominciai a sentirmi frustrato dalla vita quotidiana a Firenze. Ho messo in dubbio la mia felicita’. Sentivo di essere cresciuto tutto quello che potevo a Firenze. E non mi interessava trasferirmi in un’altra citta ‘ italiana. Ho pensato … che se dovessi trasferirmi di nuovo e ricominciare da capo, preferirei tornare sulla mia Costa Ovest.

Gli italiani hanno un forte senso di posto legato alla loro identità, che ha cominciato a influenzare la percezione della mia identità culturale/sociale. Ogni volta che lasciavo Firenze in Un’altra parte D’Italia, altri italiani indicavano il mio accento fiorentino adottato, lasciandomi così con un senso di “appartenenza” a Firenze.

D’altra parte, sento questo stesso senso di “apparizione” alla costa occidentale. Rendendosi conto che ci sono alcune distinzioni culturali rispetto al resto di questo paese massiccio. Me ne rendo conto quando sono in compagnia di altri americani da diverse parti degli Stati Uniti. Forse la maggior parte di noi poliglot ha un senso di identità divisa.

 Ho lottato per anni ammettendo che il mio sogno di vivere in Italia non era forse destinato a durare per sempre. Va bene dire che un’esperienza ha fatto il suo corso e il suo tempo per andare avanti.

Mi sentivo a parte la mia identità era legata a vivere in Italia e temevo di perdere una parte della mia identità non vivendo più a tempo pieno a Firenze. Ero turbato dalla prospettiva che forse stavo dando per scontata una vita che altri desideravano (cioè una vita in Italia). Chi farei se tornassi in America? Firenze e lavorare in Italia è tutto quello che ho conosciuto negli ultimi 7 anni.

Poi sono arrivato a patti con tutte queste comprensibili paure e insicurezze. Non potevo continuare a vivere da qualche parte solo per placare l’illusione della mia identita’. Considero quello che sto facendo come un modo per andare avanti continuamente, finché seguo le mie passioni e il mio istinto.

Recent articles

IL SISTEMA DI SCOMMESSE SPORTIVE-UNA PANORAMICA

Per molte industrie, il boom delle scommesse sportive è un mercato enorme che è ancora in aumento piuttosto che in calo in questi giorni....

ESPANDERE IL MIO APPETITO A SAN FRANCISCO, NOTIZIE DI SORTA

Ciao, bellissimi occhi! Ho alcune notizie e aggiornamenti che vorrei disfare per voi, grazie per avermi dato il vostro prezioso tempo e attenzione per...

Ricetta di pollo al burro in stile Punjabi: una guida completa

Il pollo al burro, conosciuto anche come "Murg Makhani", è un piatto che ha avuto origine nello Stato indiano del Punjab. Si tratta di...

Ripercorrendo l’origine del pollo Tikka Masala

Ogni piatto ha una storia che sia Indiano o continentale. Il ricco e succulento pollo Tikka Masala è un piatto popolare sia in India...

Leave a reply

Please enter your comment!
Please enter your name here